Contattaci

Tieniti
aggiornato...

con le nostre rubriche quindicinali

La Campania secondo Osterie d’Italia 2024

191 osterie in guida di cui 12 novità e 39 Chiocciole: questi i numeri della regione nella nuova edizione di Osterie d’Italia. Torna lo storico sussidiario del mangiarbere all’italiana: presentata al Teatro Elfo Puccini di Milano il 23 ottobre e disponibile in tutte le librerie e sullo store online di Slow Food Editore dal 25 ottobre, la trentaquattresima edizione di Osterie d’Italia racconta la ristorazione italiana più autentica e di qualità attraverso le visite e le recensioni di più di 240 collaboratori sparsi in tutta Italia, in una rete fitta e capillare.
La nuova edizione raccoglie 1752 indirizzi di osterie, agriturismi, enoteche con cucina e ristoranti segnalati per la cucina territoriale, la rigorosa selezione degli ingredienti e il prezzo giusto. Oltre ai simboli e i riconoscimenti canonicamente assegnati alle osterie, di modo da offrire al lettore uno strumento per una conoscenza approfondita dell’offerta, per la prima volta i riconoscimenti storici della Chiocciole e della Bottiglia e il più recente Bere Bene (a riconoscere una selezione complessiva di bevande alcoliche e non, come birre artigianali, distillati, cocktail ma anche succhi, estratti e infusi scelti con attenzione e personalità) sono stati assegnati anche ai locali segnalati negli inserti, ovvero quei locali la cui offerta e impostazione sono interpreti di una tradizione gastronomica locale, rintracciabili esclusivamente nella regione di appartenenza, come le pizzerie in Campania.
In una nazione che candida a patrimonio dell’umanità la propria cucina e che rischia di far cadere il turismo nella trappola degli influencer, Napoli si distingue per la decisione di non concedere per i prossimi tre anni nuove licenze (neppure di ampliamento) per attività di somministrazione di alimenti e bevande, produzione, preparazione o vendita di prodotti alimentari nel perimetro del centro storico Unesco e nelle sue fasce di rispetto. Obiettivo dichiarato è tutelare le attività tradizionali e la qualità di vita dei residenti: ci sembra una visione slow che questa guida ha deciso di premiare, conferendo a Napoli ben tre nuove Chiocciole delle sette assegnate per la prima volta in tutta la Campania. Non è però l’unica novità presente nelle prossime pagine: per la prima volta infatti è stata riconosciuta la Chiocciola anche alle pizzerie. Ne sono state premiate sette sull’intero territorio regionale, di cui solo una nella città di Napoli, segno che – dall’affresco di Pompei ai giorni nostri – questa eccellenza ha compiuto passi da gigante.