Contattaci

Tieniti
aggiornato...

con le nostre rubriche quindicinali

La Casa degli Amorini Dorati

Nel cuore dell’antica città di Pompei, sepolta sotto le ceneri del Vesuvio nel 79 d.C. e riportata alla luce secoli dopo, sorge una delle abitazioni più affascinanti dell’era imperiale: la Casa di Cnaeus Poppaeus Habitus. Questo straordinario sito archeologico è una testimonianza vivente della grandiosità e dell’eleganza di un’epoca passata.L’organizzazione architettonica di questa residenza è veramente unica, con il suo scenografico peristilio circondato da un giardino di raro stile rodio. Il peristilio presenta colonne di maggiore altezza sormontate da un frontone, emanando un’aura di sacralità agli ambienti che si affacciavano su di esso. Al centro di questo spettacolare giardino si trova un grande salone di rappresentanza, con pregiate pitture a soggetto mitologico e un pavimento mosaicato con un rosone centrale, in perfetto stile dell’epoca di Augusto.La spiritualità è una componente essenziale di questa dimora, evidenziata dalla presenza di due luoghi di culto. L’edicola del larario è dedicata al culto domestico tradizionale, mentre il sacello speciale è riservato alle divinità egizie ritratte nei dipinti: Anubi, dio dei morti con testa da sciacallo; Arpocrate, dio bambino figlio di Iside; Iside stessa; e Serapide, dio guaritore. Oggetti del culto isiaco adornano il luogo, suggerendo che il proprietario potrebbe essere stato un sacerdote di questa antica religione.Il giardino è una vera e propria collezione museale, arricchito da rilievi e sculture in marmo, alcuni dei quali sono addirittura di origine greca. Il nome della casa, “Casa degli Amorini,” deriva dai due medaglioni d’oro con incisi degli Amorini che adornano un cubicolo del portico. Graffiti e un anello-sigillo identificano il proprietario come Cnaeus Poppaeus Habitus, un uomo imparentato con Poppea Sabina, la seconda moglie di Nerone. La Casa di Cnaeus Poppaeus Habitus a Pompei è molto più di un’abitazione antica; è un tesoro storico che ci permette di affacciare uno sguardo diretto nell’arte, nella religione e nella vita quotidiana dell’antica Pompei. Con la sua eleganza senza tempo e il suo fascino misterioso, questa residenza continua a catturare l’immaginazione di chiunque la visiti, trasportando i visitatori indietro nel tempo, all’epoca splendente dell’antica Pompei.